La Corsa del Re 2019 ha regalato tante emozioni e la soddisfazione più grande dell’organizzazione, al netto dei complimenti che fanno sempre piacere, è aver visto una Reggia di Quisisana pullulare di volti sorridenti, che si godevano la bella giornata di sport. Gli atleti si son goduto il paesaggio, il percorso rinnovato e il post-gara.

La Corsa del Re. Il Memorial Nino Forte

Il paesaggio dei boschi di Quisisana non ha bisogno di essere commentato. O meglio, ad onor del vero bisognerebbe fare qualcosa di più per renderlo sempre fruibile anche in altri periodi dell’anno, ma questa è un’altra storia. La soddisfazione del nostro team è quella di poter fare una gara podistica mista, in cui gli attori, organizzazione e atleti, da oltre 20 anni si divertono e diffondo valori come l’amicizia, lo sport e l’amore, quello vero, per il territorio. La Corsa del Re è anche un momento di ricordo, è un memorial per Nino Forte e come ogni anno la presenza della cara mamma e del fratello Vincenzo con la famiglia, ha fatto emozionare i presenti

La crescita de’ La Corsa del Re, la corsa dei Boschi di Quisisana

La gara è stata divertente e le modifiche al percorso, arrivate per evitare problemi burocratici e di sicurezza, hanno soddisfatto gli atleti che hanno chiuso generalmente con tempi molto vicini a quello che in genere si fanno in una 10 km pianeggiante: solo che la nostra garetta quest’anno era di 7,2 km e l’avventura è stata bellissima ma dura. Ha vinto Ciro D’Angelo della Boscoreale Running, sul podio anche Karim Sareh e Carlo Di Martino della MCS Stabia.

Per le donne, affermazione di Filomena Palomba della Running Club Napoli che sale sul gradino più alto del podio, in compagnia di Annamaria Battaglia (seconda) della Opes Antoniana Ermes e Marialaura Russo (terza) della MCS Stabia.

217 gli arrivati al traguardo, con un esubero di 17 atleti rispetto all’obiettivo e tante telefonate respinte nel sabato antecedente la gara. E’ chiaro che la gara sta crescendo, gli atleti la cercano, e noi ci impegniamo sempre di più per migliorarla e renderla smart, godibile per tutti.

La passeggiata culturale nei giardini reali di Quisisana

Anche quest’anno abbiamo ripetuto la passeggiata culturale nella Reggia di Quisisana e nei giardini reali grazie alla partecipazione di Francesco Laus, uno stabiese che ama il territorio e che ama diffondere i valori del nostro territorio. Gratis per lui e per tutti i partecipanti. Nonostante il tempo minaccioso (è stato un maggio speciale per il meteo), oltre 10 persone hanno partecipato e goduto del servizio.

I protagonisti de’ La Corsa del Re

La gara è stata raccontata con garbo da Peppe Ifigenia che è tornato sui boschi dopo l’assenza dello scorso anno e come sempre ha reso un servizio indiscutibile. L’organizzazione è stata imponente, nonostante i pochi giorni a disposizione dal via libera delle autorità. Le classifiche sono state gestite ancora una volta da Antonio Montuori, una garanzia per tutti, assistito nelle iscrizioni e all’arrivo da Lello Romano, Angelo Ferrara, Nello Celotto e Massimo Schettino, davvero preziosi. Al ristoro Rosa D’Apice ha diretto le operazioni con l’ausilio di un team eccezionale. Un ringraziamento a chi è stato sul percorso, a chi ha aiutato al ristoro, a chi ha fatto il caffè, a chi ha gestito i premi… insomma, GRAZIE A TUTTI! 

La Corsa del Re, il Re è tornato!

Quest’anno c’è stato anche il Re! Il presidente Alfonso Malafronte, non solo si è prodigato per l’organizzazione prima, durante e dopo, ma ad un certo punto, nel post-gara, durante le premiazioni, ha fatto una sorpresa a tutti i presenti (anche a taluni dell’organizzazione, invero) indossando le vesti del Re! Tanta simpatia e tanta goliardia per un momento che ha divertito tutti i partecipanti e ha reso l’edizione 2019 ancor più speciale.

Le istituzioni e i volontari

Oltre ai volontari, un saluto va anche alle istituzioni della Polizia Municipale ed al Commissariato di Polizia, che nel giorno della gara hanno aiutato per la bella riuscita dell’evento. Non dimentichiamo i ROSS e il dottore Coppola, che hanno prestato assistenza a tutti e sono stati operativissimi quando nel dopo gara c’è stato un attimo di concitazione per un atleta che non si è sentito bene. Intervento a tempo di record e per fortuna tutto è andato per il verso giusto. La collaborazione degli elementi del territorio è fondamentale per vedere la realizzazione di eventi che restano impressi nella mente dei partecipanti e che dal giorno dopo continuano a ringraziarci e iniziano ad attendere la prossima edizione, la ventunesima!

I partner de’ La Corsa del Re

Un evento come la Corsa del Re si realizza perchè oltre alla volontà degli organizzatori, volontari, ci sono aziende e persone che credono nel progetto. Su tutti c’è l’azienda Cartiera Confalone Spa, il main sponsor, che per il secondo anno consecutivo è stato Main Sponsor con il brand Vit ed il concorso Vit Ti premia.  Gli sponsor sono tutti preziosi, perchè consentono di avere le spalle coperte per affrontare tutte le situazioni che un evento del genere può creare. C’è chi interviene con un sostegno economico, chi interviene con un sostegno in natura, chi con volontari.  E’ una festa, è una sinergia che regala emozioni.

Tutti per La Corsa del Re, La Corsa del Re per tutti! 

Si ringraziano per il sostegno Orlando Colori, che da sempre è vicino alla gara, il Centro Laser, una new entry importante e molto conosciuta sul territorio, e CE.MA. Sport, una realtà di altissimo profilo, coordinata e diretta da Nello Celotto ed Angelo Mascolo, che presente sul territorio e molto cara ai podisti e a tutti gli sportivi del circondario. Si ringraziano Elite Sport e Scott per il sostegno nei premi tecnici ai runner vincitori della gara e delle proprie categorie. Si ringrazia I Love Bikini per i bellissimi costumi offerti a tutte le donne partecipanti ed Angelo Tessuti, per i premi, la disponibilità ad organizzare, per la sede, per tante tante cose belle.

Si ringraziano tutti gli sponsor che hanno consentito di organizzare ancora una volta un post-gara di altissimo livello costituito da tante cose buone e gustose che tutti i partecipanti hanno apprezzato: il Panificio Stabia, la Pasticceria Andrea&Gianni e la Caffetteria “Le sorgenti” per le tante prelibatezze sul banco ristoro, i Vini Iovine, che oltre ai premi quest’anno ha dissetato i partecipanti con tanto di botte da 30 litri di ottimo vino di Gragnano, che ha accompagnato con allegria un grande Pasta e Patate con Provola realizzato dai ragazzi di Casa Scarica Cooking Class. Per fare un pasta e patata coi fiocchi c’è bisogno della pasta buona e noi, come ogni anno, avevamo la migliore sul mercato, la Pasta di Gragnano, che ci è stata donata dai pastifici Pasta Gentile e Pastai Graganesi, sia per il pasta party che per le premiazioni.

La fase del beverage è stata possibile grazie ad un intervento ormai consolidato al secondo anno consecutivo da Bevi Faito, per i ristori in gara e post gara, da Chimar Caffè con Caffè Landolfi, e da Francesco Maresca che con Herbalife 24H ha fatto dissetare e reintegrare tutti gli atleti partecipanti.

Infine, ma solo nell’articolo, un grazie ad AIDO che come sempre ci ricorda che la donazione è importante e salva la vita, allEnte Parco dei Monti Lattari, che ha patrocinato la gara, alla UISP, in qualità diente promotore, a Magazine Pragma per la comunicazione e, ovviamente, a tutto il team della ASD ANTARES FREE RUNNER STABIA.

Diario de’ La Corsa del Re 2019

Lascia un commento